giovedì 26 ottobre 2017

La marmellata di mele della nostra dolce mammina

La nostra cara mamma, cuoca provetta, ha provato a fare la marmellata di mele e il risultato è stato davvero ottimo. E' davvero buona, sembra di mangiare la mela ridotta in purea e dolcificata. Visto che si tratta di una marmellata che difficilmente si trova in commercio, abbiamo deciso di postare la ricetta per tutti quelli che volessero realizzarla.
Eccola:
ingredienti:
1 Kg di mele gialle
500 gr di acqua
una bustina di fruttapec 2:1
500 gr di zucchero
procedimento:
tagliare a pezzetti le mele private del torsolo e aggiungere 500 gr di acqua. Far cuocere 20 minuti e poi unire la bustina di fruttapec. Portare a ebollizione e bollire per 1 minuto. Con il frullatore a immersione frullare bene il tutto. Aggiungere 500 gr di zucchero e far bollire per 15 minuti. Versare calda nei vasetti precendetemente lavati e asciugati. Capovolgerli per 5 minuti. Per conservarla a lungo, si può sterilizzare facendo bollire i vasetti in acqua per 15 minuti.
Questa marmellata è ottima da gustare sulle fette biscottate. Non è dolcissima e mantiene una consistenza di purea, non è dolce e quasi caramellata come succede spesso per le confetture di frutta, per cui si può anche utilizzare come ripieno per strudel o dolci di questo tipo. Noi per esempio ci abbiamo fatto una splendida treccia-strudel di cui potete leggere la ricetta a questo link.

mercoledì 25 ottobre 2017

Treccia-strudel irresistibile

Buongiorno ! Eccoci di nuovo qui per postare la ricetta di un mitico, insuperabile, irresistibile dolce, da noi battezzato Treccia-strudel. Si tratta di un lievitato con dentro ripieno di marmellata alla mela e pezzi di cioccolato fondente (per il sapore richiama quindi nel ripieno uno strudel goloso). Per la pasta ci siamo ispirate alla treccia alla marmellata di lamponi di Benedetta Parodi che abbiamo cucinato più volte.
Il dolce tra l'altro è molto facile da realizzare, ma il risultato è sublime. La pasta morbida, profumata alla vaniglia, avvolge un ripieno da fine del mondo. La marmellata di mele è opera della nostra cara mamma. E' davvero buonissima e a questo link trovate la ricetta. Sembra di mangiare una mela zuccherata e ridotta in crema. Abbiamo quindi pensato di associare ad essa dei pezzetti di cioccolato fondente, per ottenere una sorta di strudel super goloso.

Ecco gli ingredienti:
per la pasta:
325 gr di farina 00 bio
125 ml di latte tiepido
la metà di un uovo sbattuto bio
12 gr di lievito per dolci
50 gr di zucchero
60 gr di burro fuso
1 vanillina
per il ripieno:
1 vasetto di marmellata di mele
una stecca da 100 gr di cioccolato fondente Novi
per la copertura:
zucchero di canna integrale bio

Procedimento:
Sciogliere in una terrina nel latte tipedio il lievito. Aggiungere lo zucchero, l'uovo, il burro intipedito, la vanillina e la farina lavorando l'impasto prima con il cucchiaio di legno poi con le mani sul piano di lavoro. La pasta deve rimanere molto morbida (noi, per evitare che la pasta venga dura, ogni volta che facciamo una pasta lievitata, non mettiamo tutta la farina indicata, ma ne lasciamo un po' perché poi la utilizzaimo per spolverare il tavolo quando impastiamo in modo da non aggiungerne altra). Lasciare lievitare per un'ora in un recipiente infarinato e coperto con pellicola alimentare, in un luogo tiepido (per esempio accanto a un termosifone).  Riprendere la pasta e stenderla con un mattarello sopra un foglio di carta forno in una forma rettangolare con uno spessore di circa mezzo centimetro. Segnare la pasta con uno stampo da plumcake in modo da avere l'idea della sagoma intorno a cui praticare i tagli col coltello. Bisogna infatti fare tanti tagli obliqui a destra e a sinistra della sagoma impressa dalla teglia da plumcake, entrambi nello stesso verso (si ottengono delle lingue di pasta su entrabi i lati). All'interno della sagoma mettere la marmellata di mele e il cioccolato fondente Novi tagliato e pezzetti non troppo piccoli. Cominciare a richiudere le lingue di pasta a mo' di treccia sopra il centro del dolce in modo da ricoprire il ripieno, a partire dalle estremità superiore e inferiore che vanno lasciate in un pezzo unico. Spennellare con il restante uovo sbattutto e ricoprire con lo zucchero di canna. Infornare in forno caldo a 180° per circa 25 minuti, finché il docle non risulterà ben dorato. Pappare !!

Ecco la treccia-strudel tagliata (e già assaggiata 😋):

domenica 8 ottobre 2017

Brioche al burro "La poderosa"

Eccoci di nuovo con voi per darvi la ricetta di un dolce lievitato. Si tratta di una sofficissima brioche al burro, che a cottura ultimata è così "poderosa" da assomigliare ai famosi autobus inglesi rossi a due piani, tanto è lievitata. Il suo sapore è delicato, non troppo dolce, ottima per la colazione con la marmellata, la cioccolata o anche nella sua sofficissima morbidita'!!!

Gli ingredienti:

250 gr farina 00 bio
250 gr manitoba
60 gr burro fuso
80 gr zucchero
180 gr latte
1 vanillina
2 uova bio
3 gr lievito di birra
1cucchiaino di zucchero di canna integrale bio 
1 tuorlo d'uovo bio battuto con un po' di latte per spennellare.

Procedimento:

Sciogliere il lievito in metà latte tiepido con il cucchiaino di zucchero di canna integrale. Sciogliere nell' altra metà del latte, che riscalderete ancora un po', il burro tagliato a pezzetti. Fate la fontana mescolando le farine e al centro mettete lo zucchero, il latte col lievito, un uovo alla volta, poi il latte in cui avete sciolto il burro, dopo averlo fatto intiepidire, e la vanillina. Lavorate con un forchetta prendendo pian piano parte della farina. Quindi quando sara possibile impastate con le mani aiutandovi con la farina fino ad ottenere una palla che metterete in una ciotola coperta dalla pellicola trasparente. Mettetela nella parte inferiore del forno spento con la luce accesa e fate lievitare per una notte (12 ore). La mattina seguente, trascorso il tempo, formate un panetto e mettetelo in una teglia da plum-cake con la carta da forno. Spennellate col tuorlo sbattuto a cui avrete aggiunto due cucchiai di latte e lasciate lievitare per altre due ore sempre nella parte inferiore del forno spento con la luce accesa, coperto da un canovaccio. Mettete a cuocere in forno statico preriscaldato nel ripiano piu' basso a 180 gradi per circa trenta minuti. Se si dovesse scurire troppo sopra prima di fine cottura coprire con carta di alluminio. Fate la prova con uno stecchino moooolto lungo e se cotto sfornate. Lasciatelo raffreddare e sbranatelo!!!

Ecco le foto dell "autobus" a due piani:



La "poderosa" vista da davanti: