giovedì 4 febbraio 2010

Carnevale, seconda puntata: le bombe alla crema


Posto la seconda ricetta: le bombe alla crema. Si tratta di un dolce fatto con l'aggiunta di patata lessa. Più di una volta, colleghe e conoscenti mi hanno detto negli anni scorsi che per fare dei dolci di carnevale lievitati fritti veramente morbidi bisognava aggiungere le patate lesse. Però devo dire che sempre, sia io che Jolie, siamo rimaste dubbiose. Poi ci avevano detto che la controindicazione era che il giorno dopo i dolci diventavano di pietra. Alla fine abbiamo deciso, sabato scorso, di cimentarci e il risultato è stato ottimo. Le bombe il giorno in cui sono fritte sembrano una nuvola e uno, due giorni dopo rimangono molto morbide e buonissime.

Ecco gli ingredienti per la pasta (per 24 bombe):

1 patata lessa e 1/2
18 gr circa di lievito di birra
1/4 di bustina di lievito per dolci
50 gr di zucchero
250 gr di farina
125 ml di latte
1 uovo e 1 tuorlo
25 gr di burro fuso
un pò di buccia grattugiata di limone e di arancia
olio si semi di mais per friggere

Gli ingredienti per la crema:

2 tuorli
due bicchiere di latte (da circa 180 ml)
2 cucchiai di farina
1 bustina di vanillina
2 cucchiai di zucchero

Procedimento:

Sciogliere nel latte intiepidito il lievito di birra, aggiungere 1 patata e 1/2 lessata. Unire la farina, le uova, lo zucchero, il lievito chimico, 25 gr di burro fuso, la buccia grattugiata di limone e arancia (il limone e l'arancia devono essere "non trattati" (senza pesticidi sulla buccia), basta chiedere al fruttivendolo quando si acquistano). L'impasto deve rimanere molto morbido. Stendere la pasta con il mattarello in una sfoglia di circa 1 cm. Ritagliare dei cerchi con un bicchiere infarinato sul bordo (basta "immergelo" nella farina). Lasciarli lievitare in un posto tiepido finché non aumentano di spessore. Nel frattempo fare la crema, amalgamando con un cucchiaio di legno due tuorli con due cucchiai di zucchero finché non diventano spumosi, aggiungere piano piano la farina, la vanillina e infine il latte sempre mescolando. Far addensare la crema su fuoco basso (di solito noi mettiamo sotto la pentola la retina) finché non arriva a bollore. Far bollire due, tre minuti. Riscaldare l'olio. Quando è arrivato a temperatura (prova dello stuzzicadenti), cominciare a friggere i dischi che con il calore diventeranno dei bombolotti. Far cuocere le bombe finché scuriscono, levarle dall'olio e farle scolare su carta da cucina. Passare le bombe calde nello zucchero. Riempirle con la crema fatta precedentemente tramite una tasca da pasticcieria (noi ultimamente abbiamo scoperto quelle "usa e getta" molto comode).

Il risultato è ottimo, posto la foto:

Nessun commento: